Altea efficace nella tosse e non solo

L’Altea (Althaea officinalis L), nota anche come “bismalva”, “malvacchione” o “malvone”, ha una lunga storia come pianta medicinale e alimentare: era, infatti, conosciuta e utilizzata dagli antichi Egizi e Siriani e oggi è molto usata sia nella medicina popolare sia in preparati moderni. Appartenente alla famiglia delle Malvacee, è originaria delle zone umide di tutta l’Europa, dalla Norvegia alla Spagna, e delle zone temperate settentrionali e occidentali dell’Asia. Le radici contengono il 30% di mucillaggini, inclusi glicosano e xilano, zuccheri per l’11%, saccarosio per il 10%, lecitina, fitosterolo e asparagina per il 2%. Questa pianta medicinale è conosciuta per le sue proprietà lenitive ed emollienti, dovute principalmente all’elevato contenuto di mucillaggini in radici e foglie. Svolge un’azione decongestionante del cavo orale e delle vie respiratorie in generale ed è quindi un espettorante e sedativo per forme influenzali, raffreddore con catarro e attacchi di tosse. Questa sua proprietà è citata anche nella monografia dell’EMA (European Medicinal Agency) dedicata alla pianta. È inoltre utile come emolliente e disinfiammante delle mucose dell’apparato digerente, svolgendo un’utile azione in caso di gastrite e ulcere gastriche. Per uso esterno infine è efficace come lenitivo e decongestionante delle infiammazioni di cute, cavo orale e occhi. A partire da queste conoscenze, sono stati realizzati in Germania due studi prospettici che hanno valutato l’impressione e la soddisfazione dei consumatori circa l’efficacia e la tollerabilità di preparati a base di Altea nella tosse secca e nei fastidi a livello di cavo orale e faringe associati. Le due indagini, presentate all’ultimo Congresso della Society for Medicinal Plant and Natural Product Research-GA, hanno coinvolto 822 consumatori di preparati di altea (compresse o sciroppo dell’estratto di radice acquosa) per il trattamento della tosse secca, ai quali è stato chiesto di compilare un questionario per valutare l’andamento dei sintomi, l’efficacia, la tollerabilità e il livello di soddisfazione. Gli utilizzatori hanno dichiarato efficaci entrambi i preparati nel trattamento sintomatico dell’irritazione orale o faringea e della tosse secca con una rapida comparsa dell’effetto, nella maggior parte dei casi entro 10 minuti; anche la tollerabilità dei preparati è risultata molto buona confermando così l’uso di lunga data dell’altea nel trattamento sintomatico della tosse secca.  

Fonte: C Fink, J Müller, O Kelber, K Nieber, K Kraft. Dry cough associated with pharyngeal irritation: Survey on Althea officinalis L. proceedings. International Congress and Annual Meeting of the Society for Medicinal Plant and Natural Product Research (GA 2017)

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.