Ginseng e disfunzione endoteliale

Per disfunzione endoteliale si intende un’anomalia che si sviluppa a livello della tunica che riveste la superficie interna dei vasi arteriosi e venosi e più precisamente un’alterazione della normale funzione endoteliale, che comporta la perdita di alcune caratteristiche strutturali e/o funzionali. La disfunzione endoteliale può indurre una varietà di patologie anche gravi, quali malattie cardio e cerebrovascolari, sindrome metabolica e altre patologie degenerative. Un ampio numero di studi ha già documentato gli effetti di piante e composti di derivazione naturale sulle malattie vascolari e tra queste anche il ginseng. Il ginseng asiatico (Panax ginseng, Araliaceae) è una pianta medicinale tradizionale alla quale sono state attribuite proprietà immunomodulanti, antinfiammatorie, ipolipemizzanti, antiossidanti, antidiabetiche, antitumorali, riparatrici, anti-età e antidepressive. Questa review descrive in sintesi i meccanismi molecolari chiave e le vie di segnalazione del ginseng, i suoi princìpi attivi e il suo impiego potenziale nella prevenzione e nel trattamento delle malattie vascolari, comprese le malattie cardio-cerebrali, l’ipertensione ecc. La ricerca evidenzia, inoltre, in modo specifico il ruolo bidirezionale di questa pianta nel promuovere o inibire l’angiogenesi e individua, come spiegano gli autori, la relazione tra il ginseng e la disfunzione endoteliale, che potrebbe fornire la base per una ulteriore applicazione clinica di questa pianta.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.