La ratania (Krameria triandra Ruiz et Pavon) è una pianta originaria delle montagne andine della Bolivia e del Perù, dove le radici venivano utilizzate a scopo medicinale.

In Europa venne fatta conoscere verso la fine del 1700 dal botanico spagnolo Ruiz il quale, avendone notato l’uso durante un suo viaggio in Perù, studiò la pianta, la classificò botanicamente e le attribuì la denominazione botanica. La ratania possiede proprietà antinfiammatorie, antiemorragiche e antimicrobiche che ne hanno favorito l’impiego popolare nei disturbi gastrici, nelle infiammazioni del cavo orale e l’eccessiva perdita di sangue.

I dati di un recente studio italiano, al quale ha contribuito anche il nostro collaboratore Fabio Milardo, ha esaminato l’attività antibatterica dell’estratto di radice di ratania contro S. aureus. Lo Staphylococcus aureus resistente alla meticillina (MRSA) rappresenta, come sappiamo, una minaccia per la salute pubblica, a causa della sua grande varietà di meccanismi patogenetici.

Attraverso cromatografia liquida ad alta prestazione – spettrometria di massa ad alta risoluzione, è stata dunque analizzata la composizione chimica dell’estratto di radice della pianta, è stata determinata la sua attività antibatterica ed è stato valutato l’effetto sui ceppi di S. aureus.

I risultati hanno mostrato che l’estratto di radice di ratania ha contrastato la crescita di tutti i ceppi testati, ha indotto la morte batterica e inibito e sradicato la formazione del biofilm. L’efficacia è stata riscontrata sia nei ceppi standard sia in quelli resistenti alla meticillina.

Questi risultati, scrivono gli Autori, hanno mostrato che la radice di ratania esplica un’interessante attività antimicrobica, fornendo un contributo importante alle attuali conoscenze sulle attività biologiche di questa pianta.

 

Fonte: Genovese, C.; D’Angeli, F.; Bellia, F.; et al. In Vitro Antibacterial, Anti-Adhesive and Anti-Biofilm Activities of Krameria lappacea (Dombey) Burdet & B.B. Simpson Root Extract against Methicillin-Resistant Staphylococcus aureus  Strains.  Antibiotics 202110, 428.Antibiotics (Basel). 2021 Apr 13;10(4):428.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.