OE di Bergamotto nelle patologie neurodegenerative

olio essenziale di bergamotto

Lolio essenziale (OE) di bergamotto è oggetto di diverse ricerche che riguardano l’attività svolta in diversi ambiti salutistici, inclusi i disturbi della sfera mentale. Ricavato da Citrus bergamia, una pianta della famiglia delle Rutaceae, questo OE è noto per le sue proprietà calmanti e antisettiche, nonché per gli effetti su stress e depressione.

Studi condotti sugli animali hanno mostrato che quest’olio essenziale esercita un’attività di tipo ansiolitico simile a quella del diazepam, uno psicofarmaco della categoria delle benzodiazepine utilizzato prevalentemente per alleviare gli stati ansiosi, ma senza indurre come tale farmaco la perdita di vigilanza.

Questo studio a cura di ricercatori dell’Università di Calabria, attraverso una revisione della letteratura, discute le potenziali applicazioni terapeutiche dell’OE di bergamotto per alleviare l’agitazione in soggetti con demenza.

Le manifestazioni dolorose di molti pazienti con diagnosi di demenza – si legge nell’articolo – non sono adeguatamente trattate a causa della ridotta capacità comunicativa di queste persone. L’impiego aromaterapico di oli essenziali con proprietà analgesiche potrebbe quindi essere utile nella gestione dei sintomi come l’agitazione in questo tipo di soggetti.

L’olio essenziale di bergamotto ha dimostrato proprietà analgesiche in modelli di dolore sia infiammatorio sia neuropatico e le vie di inalazione possono essere efficaci consentendo sia l’assorbimento sistemico dell’OE sia la percezione psicologica del suo aroma.

Gli autori concludono auspicando la realizzazione di studi clinici ulteriori circa l’uso dell’aromaterapia nella gestione della demenza, al fine di “valutare l’efficacia e la sicurezza nella gestione delle sindromi comportamentali correlate a questo disturbo neurodegenerativo”.

 

Fonte: Scuteri D, Rombolà L, Morrone LA, et al. Neuropharmacology of the neuropsychiatric symptoms of dementia and role of pain: Essential oil of bergamot as a novel therapeutic approach. Int J Mol Sci. July 2019;20(13). doi: 10.3390/ijms20133327.

 

 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.