Infezioni urinarie, l’aiuto delle erbe

 

 

 

 

 

 

 

 

Le infezioni del tratto urinario sono molto comuni e nell’80% dei casi non presentano complicanze. Le linee guida raccomandano gli antibiotici come trattamento di prima linea nella fase acuta, ma l’abuso di questi farmaci, oltre ad avere accresciuto il fenomeno dell’antibioticoresistenza, può danneggiare anche il microbioma.

Questo studio clinico randomizzato e controllato di non-inferiorità di Fase III ha valutato se l’assunzione di un preparato a base di erbe – composto da polvere di centaurea minore (Centaurium erythraea, Gentianaceae), levistico (Levisticum officinale, Apiaceae) e rosmarino (Rosmarinus officinalis, Lamiaceae) – sia comparabile in termini di efficacia al farmaco fosfomicina trometamolo (FT) abitualmente somministrato in questa tipologia di infezioni. I dati clinici sono stati raccolti in 51 ambulatori in Germania, Ucraina Polonia.

Lo studio ha riguardato 1.045 donne di età compresa tra 18 e 70 anni che presentavano i sintomi tipici di infezione urinaria acuta. Le partecipanti al trial hanno ricevuto, insieme al medicinale, il preparato a base di erbe oppure un placebo. L’endpoint primario era la percentuale di donne che hanno avuto bisogno di antibiotici aggiuntivi tra i giorni 1 e 38 ± 3.

In quel periodo l’83,5% del gruppo che ha assunto il preparato fitoterapico e l’89,8% delle donne che hanno assunto il medicinale non hanno avuto necessità di ulteriori antibiotici. Lo studio ha dunque verificato che la formulazione a base di erbe non è inferiore al farmaco nel trattamento delle infezioni urinarie acute non complicate.

La percentuale di eventi avversi è risultata simile tra i gruppi, con una quota maggiore di disturbi gastrointestinali rilevata nel gruppo farmaco; nessuna donna ha sospeso il trattamento a causa di un evento avverso ad esso correlato.

La conclusione di questa sperimentazione clinica è che il preparato testato può contribuire a ridurre l’assunzione di antibiotici in corso di infezioni urinarie acute e potrebbe avere pertanto un impatto significativo sulle strategie di gestione dell’antibioticoresistenza.

 

Fonte: Wagenlehner FM, Abramov-Sommariva D, Höller M, Steindl H, Naber KG. Non-antibiotic herbal therapy (BNO 1045) versus antibiotic therapy (fosfomycin trometamol) for the treatment of acute lower uncomplicated urinary tract infections in women: a double-blind, parallel-group, randomized, multicentre, non-inferiority phase III trial. Urol Int. 2018;101(3):327-336.

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.