Fegato grasso e curcumina

 

La steatosi epatica non alcolica, nota anche come ‘fegato grasso’, è un problema di salute abbastanza diffuso e associato a diverse complicanze cardio-metaboliche.

Questo studio randomizzato e controllato in doppio cieco con controllo placebo ha valutato, per un periodo di 8 settimane, il potenziale ruolo antinfiammatorio della curcumina, sostanza della quale già altri studi avevano segnalato l’azione positiva sulla steatosi epatica.

Cinquantacinque persone sono state assegnate in modo casuale a due gruppi che hanno ricevuto rispettivamente una capsula contenente 500 mg di curcumina (più 5 mg di piperina per aumentarne la biodisponibilità) al giorno, mentre il gruppo di controllo ha ricevuto capsule placebo. Le caratteristiche demografiche dei due gruppi erano comparabili al basale.

Per valutare la gravità della steatosi epatica al basale e alla fine dello studio è stata eseguita un’ecografia epatica. Prima e dopo l’intervento sono stati inoltre misurati diversi parametri quali i livelli sierici di interleuchina-1α, interleuchina-1β, interleuchina-2, interleuchina-4, interleuchina-6, interleuchina-8, interleuchina-10, fattore di necrosi tumorale-α ecc.

I risultati dello studio hanno mostrato che la supplementazione con curcumina riduce la gravità del disturbo come rilevato dalle indagini ecografiche (p = 0,002); analogamente nel gruppo curcumina sono migliorati alcuni dei parametri emato-chimici presi in considerazione, in particolare i livelli sierici di citochine infiammatorie.

 

Saberi-Karimian M, Keshvari M, Ghayour-Mobarhan M, et al. Effects of curcuminoids on inflammatory status in patients with non-alcoholic fatty liver disease: A randomized controlled trial. Complement Ther Med. 2020 Mar;49:102322.

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.