Curcuma: al vaglio nuove attività antinfiammatorie

curcuma

 

 

 

 

 

 

Le radici della curcuma (Curcuma longa L.) sono usate come rimedio curativo da millenni in molte medicine tradizionali. Possiedono diverse proprietà, compresa l’azione antinfiammatoria e per questo potrebbero essere adatte anche per il trattamento dell’asma.

Uno studio clinico randomizzato in doppio cieco, controllato con placebo, di fase II ha voluto verificare l’ipotesi che, in bambini e adolescenti con asma persistente, la somministrazione di polvere di C. longa per 6 mesi, in associazione al trattamento standard, possa determinare un migliore controllo della malattia rispetto al placebo.

I pazienti sono stati assegnati a ricevere in modo casuale 30 mg/kg al dì di curcuma per 6 mesi oppure un placebo. I dati sono stati raccolti in modo prospettico: tutti i pazienti sono stati classificati per gravità e controllo dell’asma secondo i criteri GINA-2016 e sono stati sottoposti a test di funzionalità polmonare.
Complessivamente in entrambi i gruppi sono stati riscontrati il miglioramento della frequenza dei sintomi e delle interferenze con le normali attività quotidiane, ma non sono emerse differenze tra i due gruppi. Tuttavia nel braccio che ha assunto C. longa i risvegli notturni sono stati meno frequenti, c’è stato uso meno frequente di agonisti β-adrenergici a breve durata d’azione e un migliore controllo della malattia dopo 3 e 6 mesi.

Lo studio conclude che la polvere di C. longa ha ridotto i risvegli notturni, l’assunzione di agonisti β-adrenergici a breve durata d’azione e ha determinato un migliore controllo della malattia dopo 3 e 6 mesi, rispetto al placebo.

 

Manarin G, Anderson D, Silva JME, Coppede JDS, Roxo-Junior P, Pereira AMS, Carmona F. Curcuma longa L. ameliorates asthma control in children and adolescents: A randomized, double-blind, controlled trial. J Ethnopharmacol. 2019 Jun 28;238:111882.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here