Erborista

Cerca

Digita almeno 3 caratteri del prodotto che stai cercando, es. CRE

Ricerca Avanzata
  
Seguici su:

L'Erborista su Facebook L'Erborista su YouTube

Carrello

Il vostro carrello attuale

Il carrello è vuoto.

Traccia spedizione

Inserisci il tracking code della spedizione relativa al tuo ordine

es. E13143260

Valid XHTML 1.0 Transitional

Paga con la tua carta di credito

CSS Valido!

Paga con la tua carta di credito

Level A conformance icon,            W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0

IWBank - IWSmile   Marchio di accettazione
Percorso attuale L' Erborista > Rubriche > Depurare il fegato
Depurare il fegato

Depurare il fegato, se è affaticato e nel cambio stagione

Il fegato è una ghiandola di fondamentale importanza per la salute del nostro organismo. Svolge diverse funzioni ed è essen­ziale per un buon funzionamento fisiologico la sua (‘attività di depu­razione, l’azione di filtro per le tos­sine che vengono assorbite dall’inte­stino o prodotte dall’organismo nel normale metabolismo. Se la produ­zione di tossine risulta esagerata, a causa di un regime alimentare inappropriato, del consumo eccessi­vo di farmaci, alcolici, caffè o fumo di sigarette, l’azione detossificante del fegato risulta sovraccarica.

Anche lo stress lavorativo, i disturbi emozionali generati da ansia, col­lera e conflitti possono provocare un aumento nella produzione di tossine. In questi casi, soprattutto nel cambio di stagione, può essere utile un periodo di depurazione ba­sato su un’alimentazione sana con il consumo di frutta, verdura e ce­reali, e l’assunzione di liquidi.
Alcuni rimedi possono favorire la depurazione stimolando il fun­zionamento del fegato: My­rica cerifera è utile quan­do fra i sintomi di scarsa attività epatica prevale il mal di testa, peggiorato al mattino e accompa­gnato da occhiaie marcate e pati­na gialla sulla lingua. C’è astenia, dolori muscolari, soprattutto agli arti inferiori, con urine scure, dolo­re al fianco destro, scarso appetito e un sonno non ristoratore. Cardius marianus ha un’azione speci­fica a livello biliare ed è molto usa­to anche in fitoterapia. Sono pre­senti ittero o subittero, macchie cu­tanee scure, nausea, pesantezza digestiva, con dolore al fianco si­nistro. E ancora sintomi di diarrea oppure stitichezza con feci dure espulse con difficoltà. Si utilizza Leptandra in caso di au­mento del volume del fe gato, soprattutto in caso di fegato grasso (steatosi epatica), dolente alla palpazione, con sonnolenza e cefalea con dolore martellante a li­vello frontale, diarrea profusa e sanguinamento dalle emorroidi.

Utile è anche Taraxacum quando la lingua è a "carta geo­grafica", con sapore amaro in boc­ca, fegato ingrossato e duro alla palpazione. Se il problema inte­ressa anche il pancreas, si deve pensare a Chionanthus virgini­ca indicato quando i disturbi so­no indolenzimento del fegato con senso di pesantezza, sete e stiti­chezza ostinata.

 

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna